Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Misteri d’amore, di Franca Canapini, edito da puntoacapo, nota di lettura di Francesco Innella 15/05/2024
 

Francesco Innella

Nota a Misteri d´amore di Franca Canapini


Franca Canapini con: " Misteri d´amore ", supera la svalutazione platonica della poesia e dell´arte. Platone definisce la poesia e l´arte, come imitazioni della natura e dato che le cose naturali sono già imitazioni di idee, l´arte è imitazione di imitazione ed essa in un certo modo ci allontana dalla realtà. I poeti parlano di tutto ma niente sanno. Ma l´autrice oltrepassa il divieto platonico con una lettura mitico - poetica, del Simposio o Convito, o a volte anche Convivio, che è forse il più conosciuto dei dialoghi idi Platone e si differenzia dagli altri scritti per la sua struttura, che si articola non tanto in un dialogo, quanto nelle varie parti di un agone oratorio, in cui ciascuno degli interlocutori, scelti tra il fiore degli intellettuali ateniesi espone con un ampio discorso la propria teoria su Eros e Amore. La Canapini riesce a riportarci attraverso i suoi versi nel mito greco, oggi ormai relegato nei banchi di scuola studiato da studenti svogliati. Un autore che si può accostare alla Canapini è Cesare Pavese, secondo il quale, il mito conserva quella unicità assoluta è lo schema di un fatto avvenuto una volta per tutte, e che trae il suo valore da questa unicità che lo solleva fuori del tempo e lo consacra in una rivelazione presente ad una sacralità che è eterna. La vita si popola e arricchisce di eventi che sono accaduti e che assumono il valore, di modelli supremi della realtà al di là, delle vicende quotidiane. Poesia alta quella della Canapini che recupera pienamente la magia del verso che scuote il lettore e lo riporta alle sue origini primordiali. "Cavalco culmini di luce in aurore primordiali Quanta luce-tutta- questa- luce! Sbuca dalla profondità dei boschi il Nume famelico e cencioso sbuca e si erge sulle messi".......

(Francesco Innella)



Biografia di FRANCESCO INNELLA


Nato a  Matera nel 1952, ho compiuto studi umanistici e sono andato in pensione in qualità di vice direttore dell´Archivio di Stato di  Salerno. Ho pubblicato diverse raccolte poetiche ed ho partecipato a varie antologie, anche a molte riviste letterarie online. Nel 1996 ho pubblicato un saggio sul filosofo goriziano Carlo Michelstaedter da titolo:  Carlo Michelstaedter: frammenti di una filosofia oscura, Ripostes  Salerno, 1996. Ho partecipato all´antologia Carlo Michelstaedter e le radici del malessere del 1900, il mio libro.it 2012. Inoltre ho curato la biografia intellettuale dell´esoterista russa Maria De  Naglowska dal titolo: Una russa a Montparnasse.

In collaborazione con lo storico Pasquale Giuliani di  Napoli ho pubblicato , nel 2010, un saggio dal titolo::  La magia dei crocicchi, dedicato alla figura di Ecate e  a molte figure di artisti e scrittori contemporanei da lei influenzati.


Misteri d´amore - Franca Canapini - puntoacapo - Pagg. 88 - ISBN 9788866794202- Euro 12,00








 
©2006 ArteInsieme, « 014314895 »