Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Nudi e crudi, di Alan Bennett, edito da Adelphi e recensito da Katia Ciarrocchi 10/01/2021
 
Nudi e crudi – Alan Bennett – Adelphi – Pagg. 95 – ISBN 9788845916106 – Euro 10,00



Nudi e crudi narra il furto ai danni dei coniugi Ransome.
Bennett anche in Nudi e crudi ci regala la tipica ironia british; i due coniugi imborghesiti e abitudinari si ritroveranno vittime di un curioso furto, al rientro da una serata a teatro, ritroveranno il loro appartamento completamente svaligiato e quando dico completamente intento di tutto: moquette e arrosto nel forno compreso. Fin da subito Maurice e Rosemary si mettono alla ricerca dei propri averi e questo li porterà a imbattersi in pittoreschi e strani personaggi.
Avvenimento che causerà dei cambiamenti sul modo di vivere e di vedere le cose. Sposati da più di trent’anni, lui è un avvocato londinese pedante e grigio con la passione per Mozart, lei è una casalinga limitata e apatica legata ai talk-show televisivi, che dopo il furto,  avranno la capacità di rimettersi in gioco e di comprendere che la vita, vissuta fino a quel momento, è dettata dalla routine e dalla monotonia dell’accumulo per cose materiali senza dare più spazio al proprio essere.
La ricostruzione sarà totale e sicuramente migliorativa per i protagonisti.
I libri di Bennett sono brevi e con un ritmo teatrale, apprezzo le sue opere, perché con poche pagine riesce a estremizzare momenti di vita quotidiana portando sempre a una riflessione interessante.
Ne consiglio la lettura.


Citazioni: Alan Bennett, Nudi e Crudi

Le vittime decidono di essere vittime; furto, aggressione o incidente stradale che fosse, ogni sventura era solo il modo in cui certe persone inadeguate si segnalavano alla sua attenzione.

Mentre fissava assorto la moglie che leggeva, le sue orecchie erano piene di Martin e Cleo che gemevano, gridavano, si sfiancavano l’un l’altra una, due, tre volte, all’infinito. Per quanto lo mettesse, quel nastro non finiva mai di sbalordire: che due esseri umani potessero darsi così completamente e senza riserve l’uno all’altra e al momento presente andava oltre le sue capacità di comprensione, gli sembrava un miracolo.

«Mi ha fatto male,» rispose il giovanotto «ma adesso sto mettendo la sofferenza in prospettiva. Ti tocca, prima o poi».

Alla fin fine, tesoro mio, il matrimonio è questione di scelte, e noi qualcosa ci dobbiamo pure investire.

Il matrimonio è parso spesso a Mrs Ransome come una specie di parentesi, ed è appropriato che la frase con cui si rivolge all’infermiera («Credo che se ne sia andato») sia a sua volta fra parentesi e che sia quest’ultima piccola parentesi a chiudere quella più grande.



Katia Ciarrocchi



www.liberolibro.it




 
©2006 ArteInsieme, « 011281322 »