Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Un marito all’ora del tè, di Marjan Kamali, edito da Giunti e recensito da Laura Vargiu 31/07/2021
 
Un marito all’ora del tè – Marjan Kamali – Giunti – Pagg. 304 – ISBN 9788809779921 – Euro 12,00


Té in compagnia



Pubblicato nel 2013 dalla casa editrice Giunti, questo libro si propone con un titolo assai infelice che, di primo acchito, trasmette un messaggio non corretto in merito al contenuto dell'opera, di certo non classificabile come romanzo rosa. Il titolo originale, "Together Tea", infatti, risulta di gran lunga preferibile a quello imposto maldestramente all'edizione in lingua italiana dal momento che il tè in questione non è soltanto quello offerto a un potenziale marito nell'ambito di possibili nozze combinate, ma è anzitutto quello – come emerge a poco a poco nel corso della narrazione – del più autentico rituale di accoglienza della tradizione persiana, lungi da reconditi scopi matrimoniali, così come finisce per essere anche il tè che una madre desidera prendere in compagnia della propria figlia diventata ormai una donna adulta.
L'autrice, Marjan Kamali, ha origini iraniane e vive da lungo tempo negli Stati Uniti. In questo suo romanzo d'esordio racconta una storia per la quale, seppur di fantasia, potrebbe aver tratto ispirazione anche dalle sue stesse vicende personali, essendo probabile che abbia conosciuto l'Iran del dopo shah.

Sullo sfondo della multietnica New York, metropoli che l'ha accolta tanto tempo prima, la famiglia Rezayi si è rifatta una vita lavorando duramente dopo essere fuggita dal regime degli ayatollah, e considera ormai gli Stati Uniti come una seconda casa; in Iran sono rimasti i lutti e le macerie della disastrosa guerra contro l'Iraq di Saddam Hussein, nonché le delusioni della rivoluzione tradita.
Mina, la figlia più giovane, a venticinque anni non ha abbandonato i suoi sogni d'artista, mentre Darya, sua madre, non rinuncia all'idea di trovarle un marito, ostinandosi a organizzare incontri con rispettabili uomini iraniani della diaspora, tutti prescelti dai calcoli dei suoi fogli elettronici. Come succede in genere a chi è emigrato, Mina s'interroga sulla propria identità e sente la sua esistenza come in bilico tra due culture molto diverse tra loro, tra un Occidente e un Oriente la cui poesia è andata in apparenza perduta.

"[...] Una parte di lei era sempre rimasta legata al suo luogo di origine, come sospesa. E se il paese e la storia che i suoi genitori amavano fossero stati ancora sepolti là? E se fosse riuscita a recuperarli? Aveva sempre desiderato conoscere l'Iran in cui era cresciuta sua madre, anziché quello da cui erano dovuti fuggire. Avrebbe potuto ritrovarlo e ricostruirlo da adulta?[...]

Per sua madre la nostalgia di casa è una certezza:

"[...]Una parte di Darya si era sempre vergognata della nostalgia dell'Iran. Come mai sentiva la mancanza di un luogo pieno di leggi spietate e di tristezza infinita? Perché non c'erano solo quelle [...]. Perché la poesia esisteva ancora. [...] E perché quel posto era casa. Casa sua. [...]"

Il desiderio di ritrovare affetti e legami spezzati, così come qualcosa di sé in patria, porterà d'improvviso le due donne a fare ritorno per un breve soggiorno in Iran, dove le regole della Repubblica islamica sono sempre state dure da sopportare. Il viaggio sarà occasione per ripercorrere le vicende passate attarverso un lungo flashback e, nel contempo, iniziare a fare i conti con una imprevedibile sorpresa. Le due coprotagoniste, madre e figlia, ognuna con il proprio modo di vedere la vita frutto di generazioni ed esperienze differenti, animano alla perfezione una trama in cui trovano giusta collocazione anche altri personaggi, da quello di Parviz, padre e marito di larghe vedute, a quello di Bita, amica d'infanzia dallo spirito ribelle che nemmeno da adulta desiste dallo sfidare le vessazioni fondamentaliste, da quelli delle amiche del ristretto circolo matematico di Darya, a loro volta immigrate, a quello della nonna Mamani, scomparsa tragicamente sotto i bombardamenti di Teheran.

A dispetto dei tanti stereotipi e pregiudizi tuttora esistenti, l'altra grande protagonista di queste pagine è immancabilmente l'affascinante terra di Persia (sebbene parte delle vicende narrate si svolga in America), con i minareri e le cupole delle sue spettacolari moschee, la silenziosa maestosità delle rovine di Persepoli, i profumi penetranti delle spezie, l'antica poesia dei suoi ghazal, il grande desiderio di libertà della sua gente di cui si fa portavoce l'ottima scrittura della Kamali.

Un libro davvero molto bello che conquista e coinvolge il lettore, sia per la storia in sé che per l'abile stile narrativo. Un romanzo che parla di sentimenti, di famiglia e dell'importanza delle radici. Lettura consigliata!
In anni più recenti, Marjan Kamali ha pubblicato un secondo romanzo, “The Stationery Shop”, di cui al momento, stando al sito della scrittrice, esistono soltanto le versioni olandese e britannica. Quando apparirà la traduzione italiana, si spera vivamente in un titolo più proponibile e aderente all'originale rispetto a quello dato a “Together Tea”..


Laura Vargiu


 
©2006 ArteInsieme, « 011272387 »