Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Piccole donne, di Louisa May Alcott, edito da Mondadori e recensito da Laura Vargiu 23/02/2022
 
Piccole donne – Louisa May Alcott – Mondadori – Pagg. 336 – ISBN 9788804711513 – Euro 10,50



Meglio tardi che mai



Con un vergognoso ritardo di qualche decennio, ho potuto finalmente leggere uno dei grandi classici per eccellenza, peraltro in una bella edizione illustrata della fine degli anni Cinquanta recuperata tra vecchi libri destinati con buona probabilità al macero.
Pubblicato nella seconda metà dell'Ottocento, "Piccole donne" è per davvero uno di quei romanzi senza tempo che può indirizzarsi a bambini e adolescenti così come a un pubblico più adulto. Perchè i grandi classici, in fin dei conti, non hanno scadenza d'età e la loro lettura non è mai fuori moda né fuori tempo massimo.
Ovviamente, la vicenda narrata va inquadrata nella sua epoca, con tutto ciò che questo comporta; l'intento pedagogico dell'autrice non passa inosservato e i valori tradizionali, anzitutto quello della famiglia, trovano senz'altro posto tra le pagine del libro. I personaggi risultano ben caratterizzati, a partire da quelli delle quattro sorelle March, e la trama suscita più di una riflessione. Si respira aria da romanzo di formazione, credo sia innegabile; e infatti, nell'arco temporale di un anno, si assiste alla crescita più che altro interiore delle giovani protagoniste e anche dell'amico Laurie, tutti impegnati a maturare e migliorarsi caratterialmente attraverso una serie di eventi che tenderà a metterli alla prova.
Felice di questa lettura. Da ragazzina avevo letto l'immediato seguito, "Piccole donne crescono", tuttavia mi mancava proprio questo primo tassello della storia; un po' come tutti, avevo anche visto alcune trasposizioni cinematografiche, ma, come spesso accade, i film non riescono a sostituire del tutto la versione originale cartacea da cui essi sono stati tratti.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 011945471 »