Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Jenin. Un campo palestinese, di Tahar Ben Jelloun, edito da Bompiani e recensito da Laura Vargiu 18/03/2022
 
Jenin. Un campo palestinese. - Tahar Ben Jelloun – Bompiani – Pagg. 75 – ISBN 9788845253287- Euro 6,00


Voci da una terra senza più terra


Che grande scrittore, Tahar Ben Jelloun!
Nel corso degli ultimi anni ho fortunatamente avuto occasione di leggere diversi suoi lavori (dai saggi a vari romanzi) e il breve “Jenin” spicca in modo particolare per il suo collocarsi, a mio parere, tra la poesia e la prosa; anche quest'ultima, in verità, ha molto di poetico.

Titolo evocativo e fortemente significativo, quello del volumetto in questione, che di colpo scaraventa il lettore nella martoriata Palestina, tra le macerie della storia e di un dramma senza fine. Alto e straziato, il grido di una donna ricoperta di polvere si leva tra quelle rovine, fino a farsi voce corale del campo profughi di Jenin, teatro di un efferato massacro, e di un popolo intero, nonché di una terra santa e dannata che ancora oggi si domanda quando potrà ritornare a essere semplicemente una terra d’ulivi.
Intanto, i suoi figli sono costretti a partire, a disperdersi in nuove infinite diaspore nei lontani quartieri dell’esilio, tra i profumi vagabondi di sesamo e timo, sorte comune a molti palestinesi; tra loro anche Mahmud Darwish, l’ormai compianto poeta della resistenza, la cui voce brilla tristemente in mezzo alle altre che in queste pagine piangono.
Una toccante prova dello scrittore marocchino, la cui intensità ritrovo in questi giorni tra le pagine de "La remontée des cendres" (in lingua francese) che sto leggendo al momento.

[…] qui il diritto non esiste, è come un fiore: non ci sono più fiori nei nostri campi, non ci sono più giardini, più sorgenti. Hanno distrutto tutto. Il diritto? È il diritto del più forte. Il diritto abita in un tank, un carro, un bulldozer, un cannone puntato sui civili…”


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 011945563 »