Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Le avventure di Cipollino, di Gianni Rodari, edito da Einaudi e recensito da Laura Vargiu 21/08/2022
 
Le avventure di Cipollino – Gianni Rodari – Einaudi – Pagg. 224 – ISBN 9788866566755 – Euro 15,90


Quando si nasce cipolle, le lacrime sono di casa”


Pubblicato per la prima volta nel 1951 dalle Edizioni di Cultura Sociale, questo romanzo di Gianni Rodari prese nel ’57 il titolo definitivo "Le avventure di Cipollino" presso la casa editrice romana Editori Riuniti che lo ha ripubblicato anche in anni recenti.
Quello di Cipollino, personaggio decisamente originale nato dalla fantasiosa penna di Gianni Rodari (1920-1980), fu un vero successo a livello internazionale poiché il libro è stato tradotto in numerose lingue, tra le quali russo, cinese, giapponese e addirittura armeno e mongolo. In particolare, nei Paesi al di là della Cortina di ferro, la fortuna di cui poté godere il romanzo fu enorme, tant’è che, nell’URSS, dov’era giunto già nel 1953, da esso venne tratto un cartone animato di lungo metraggio e persino una commedia.
Al centro della elaborata trama dell’opera, soprusi, avidità, sfruttamento e brama di potere sullo sfondo di una curiosa società di tipo vegetale popolata d’ogni sorta di frutta e ortaggi (limoni, mandarini, ciliegie, pere, zucchine, piselli, prezzemolo, pomodori e, naturalmente, cipolle, etc.), senza escludere alcune figure animali come nella migliore tradizione favolistica. Il desiderio di riscatto e giustizia porta a una vera e propria rivolta al fine di sovvertire l’iniquo e aristocratico ordine costituito e costruire pertanto un mondo più giusto per i ceti popolari; dunque, la lotta di classe e altri concetti cari al comunismo non sono estranei a questo significativo lavoro di Rodari, il quale, come noto, ancor prima della fine del secondo conflitto mondiale, si era avvicinato al Partito Comunista italiano.
Un classico destinato principalmente ai giovanissimi lettori, che non potranno non restare colpiti da personaggi come quello del medesimo protagonista, lo scaltro Cipollino, o quelli del Cavalier Pomodoro, Ciliegino, sor Zucchina e tanti altri. Una bella e piacevole lettura, tuttavia, anche per gli adulti interessati a (ri)scoprire Gianni Rodari.


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 012390063 »