Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Neve, di Maxence Fermine, edito da Bompiani e recensito da Katia Ciarrocchi 06/03/2023
 
Neve – Maxence Fermine – Bompiani – Pagg. 107 – ISBN 9788845242618 – Prezzo Euro 12,00



Giappone, fine Ottocento. Yuko, diciassettenne ribelle, lascia la famiglia per diventare poeta. Ma la sua poesia, dedicata interamente alla neve, è troppo bianca, e per imparare a darle colore Yuko deve seguire gli insegnamenti del vecchio poeta Saseki, ormai divenuto cieco. Saseki, attraverso il racconto della sua passione per Neve, una ragazza bellissima venuta dall’Europa e scomparsa mentre cercava di attraversare un precipizio sospesa su una fune, insegna a Yuko la forza e la potenza dell’amore. E con questo insegnamento Yuko diverrà non solo un grande poeta ma – cosa più importante – un essere umano capace di amore.

Nonostante la disapprovazione del padre monaco, Yuko osserva l’inverno ogni anno, trasferendo su carta le emozioni che gli suscita, nascono così i suoi preziosi haiku che ben presto attireranno l’attenzione dei molti.
Scopro solo dopo aver letto “Neve” che è parte di una trilogia dal nome “La trilogia dei colori”, e la cosa che accomuna i tre libri sono l’amore e la perdita, sentimenti e personaggi che ruotano intorno al protagonista principale.
Lo stile scelto dall’autore si alterna tra brevi capitoli e haiku con sensibilità che ricorda il rumore della neve in tutta la sua soffice essenza.
La sostanza della storia, che sconfina in un sogno infinito, è l’amore che assume un significato più profondo e universale in un contesto onirico. In Neve è marcata l’idea  che l’amore sia un sentimento che trascende il tempo e lo spazio, e che sia presente in tutte le forme di vita: una forza immortale e senza fine che continua a esistere anche dopo la fine della storia.
Neve è una fiaba che dona armonia, pace e poesia anche se la seconda parte del libro potrebbe, forse, essere considerata un po’ macabra, ma in fondo quale favola non lo è?
Neve di Maxence Fermine è un piccolo gioiello incastonato tra la trasparenza della parola e lo splendore dell’immagine.



Citazioni tratte da Neve di Maxence Fermine

Padre” disse il mattino del suo compleanno in riva al fiume argentato, “voglio diventare poeta.” (pag 13)

La poesia non è un mestiere. È un passatempo. Le poesie sono acqua che scorre. Come questo fiume.”
Yoko tuffò lo sguardo nell’acqua silenziosa e lesta.
Poi si voltò verso il padre disse:
E’ esattamente quello che voglio fare. Imparare a guardare il tempo che scorre.” (pag 13)

Che cos’è la poesia?” domandò il monaco.
È un mistero ineffabile,” rispose Yuko. (pag 14)

La poesia è innanzitutto pittura, coreografia, musica e calligrafia dell’animo. Una poesia al tempo stesso quadro, danza, musica e scrittura della bellezza. (pag 33)

Non fidatevi delle apparenze. Servono soltanto a smarrirsi. (pag 49)

Perché? In verità, il poeta, il vero poeta, possiede l’arte del funambolo. Scrivere  è avanzare parola dopo parola su un filo di bellezza, il filo della poesia, di un’opera, di una storia adagiata su carta di seta.
Scrivere è avanzare passo dopo passo, pagina dopo pagina, sul cammino del libro. Il difficile non è elevarsi dal suolo e mantenersi in equilibrio sul filo del linguaggio, aiutato dal bilanciere della penna. Non è neppure andar dritto su una linea continua e talvolta interrotta da vertigini effimere quanto la cascata di una virgola o l’ostacolo di un punto. No, il difficile, per il poeta, è rimanere costantemente su quel filo che è la scrittura, vivere ogni ora della vita all’altezza del proprio sogno, uno scendere mai, neppure per qualche istante, dalla corda dell’immaginazione. In verità, è difficile e diventare funambolo della parola.” (pag 89)

Ci sono due specie di persone.
Ci sono quelli che vivono, giocano e muoiono.
E ci sono quelli che si tengono in equilibrio sul crinale della vita.
Ci sono gli attori.
E ci sono i funamboli. (pag 105)


Katia Ciarrocchi


www.liberolibro.it


 
©2006 ArteInsieme, « 013826608 »