Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Corpo a corpo, di Elena Mearini, edito da Arkadia e recensito da Grazia Giordani 05/04/2023
 

Corpo a corpo - Elena Mearini - Arkadia - Pagg. 112 - ISBN 9788868514198 - Euro 14,00


La complessità dell´amore tra bellezza e imperfezioni


È una boxe simbolica quella che si gioca nello struggente romanzo di Elena Mearini, intitolato "Corpo a corpo" (Arkadia, editore pp.109, euro 14). Nelle drammatiche pagine del romanzo incontriamo all´interno di una palestra della periferia milanese, luogo in apparenza illeso dal tempo, ritrovo di vite disfatte, riaggiustate a colpi di pugni sul ring, Stefano Santi, un personaggio maschile molto importante, professore di liceo ed ex pugile promettente. Torna nel luogo che gli fece da casa e famiglia per raccontare la propria storia tragica a Mario, proprietario della palestra, il più umano e simpatico fra i protagonisti del romanzo. "Corpo a corpo" racconta un intreccio di vite complesse che si contrastano come in un ring. Amori distorti che diventano autentiche armi distruttive, il valore impagabile dei legami che nascono all´ombra della comune passione sportiva, in questo caso la boxe, emblema simbolico dell´incontro scontro della vita. Incontriamo inoltre due sorelle: Ada, emblema della bellezza intima ed esteriore, Marta , che vorrebbe assomigliarle, ma non le riesce. In sintesi in queste pagine incontriamo due sorelle, la boxe e un professore. Leggiamo la storia di due sorelle Ada e Marta, la prima perfetta, ammalata di perfezione, nel senso che vive la perfezione come fosse una malattia, Marta imperfetta, quasi la malacopia della sorella che, inconsapevolmente, invidia. Stefano, il professore di materie umanistiche, voleva soltanto perdersi nell´amore, o soltanto liberarsene. I personaggi sono uniti tutti da uno sport: la boxe, attraverso cui cercano di espiare le proprie colpe, o di annientare le proprie perfezioni, oppure di ritrovarle. C´è un diario molto importante e particolareggiato scritto da Marta, prima e dopo la sua convivenza con Stefano. Il diario verrà letto da Mario, il proprietario della palestra. Stefano sostiene che bisogna leggere alcuni estratti del diario perché "serve conoscere la voce di lei per arrivare alla disfatta di lui". Nelle pagine del diario incontriamo Marta che ha cercato di salvare la sorella Ada dalla condanna della perfezione. Ada che poi si è uccisa e nessuno ha mai capito il perché. Marta che era troppo normale per essere notata, troppo brillante per non vedere l´insopportabile, troppo esigente per non impazzire. Ada e Marta il bene e il male che non possono essere divisi. Mario, attraverso le regole della boxe aiuterà Santi a comprendere "la cosa giusta da fare". Come sempre, l´epilogo lo affidiamo alla curiosità dei lettori.


Grazia Giordani


 
©2006 ArteInsieme, « 014127888 »