Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Spettri, di Henrik Ibsen, edito da Rizzoli e recensito da Laura Vargiu 06/10/2023
 

Spettri - Henrik Ibsen - Rizzoli - Pagg. 124 - ISBN 9788817020862 - Euro 9,00


Ombre del passato


Come già in "Casa di bambola" (1879), anche in "Spettri" (1881) Henrik Ibsen (1828-1906) lancia un attacco audace e impietoso contro il perbenismo e l´ipocrisia della società borghese dell´epoca. E lo fa attraverso un´altra figura femminile che, al pari dell´indimenticabile Nora Helmer, destabilizza e suscita scandalo per la propria ribellione agli schemi sociali e allo stesso ruolo che essi le impongono: la signora Helene Alving, vedova del capitano e ciambellano Alving in memoria del quale è stato costruito un asilo che sta per essere inaugurato.
Lo sfondo è quello remoto della campagna norvegese della seconda metà dell´Ottocento nelle vicinanze di un grande fiordo (più di una volta, si fa riferimento a un collegamento col piroscafo), dove il rispettabile ed elogiato defunto ha condotto in realtà una vita tutt´altro che irreprensibile. Schiacciata dal peso della menzogna, soprattutto nel momento in cui, a causa di quest´ultima, si rischia concretamente di sfiorare l´incesto, la signora Alving rivela quanto accaduto in passato dietro il miserabile velo dell´apparenza; a redarguirla, nonostante tutto, il reverendo Manders che le ricorda i suoi sacri doveri di sposa poiché "una moglie non può farsi giudice del marito", nonché la necessità di portare la propria croce per non mettere a repentaglio buon nome e reputazione familiari. Alla vedova, che vive oramai per suo figlio Osvald, giovane artista da poco rientrato da Parigi, spetta l´ingrato compito di raccontare tutto sino in fondo, una verità sconfortante e tragica per più di un personaggio durante una terribile notte di fiamme la cui tenebra, tanto è profonda, non potrà essere dissolta nemmeno dal sorgere del sole con cui si chiude il terzo e ultimo atto dell´opera.
Tra i lavori più famosi e significativi del teatro del grande drammaturgo norvegese, "Spettri" venne messo in scena per la prima volta a Chicago nel 1882; per diverso tempo, la rappresentazione in patria trovò seri ostacoli a causa del contenuto allora giudicato scandaloso, se non addirittura osceno. Di certo, si tratta di un testo, oltre che coraggioso per aver affrontato determinati temi (incluso quello della malattia), di particolare complessità in cui si muove una notevole figura di madre; nel complesso, forse, una lettura meno coinvolgente rispetto a quella di "Casa di bambola", ma dalla drammaticità più intensa e angosciante.


Laura Vargiu


 
©2006 ArteInsieme, « 014402644 »