Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Venti poesie d’amore e una canzone disperata, di Pablo Neruda, edito da Passigli e recensito da Laura Vargiu 27/10/2023
 

Venti poesie d´amore e una canzone disperata - Pablo Neruda - Passigli - Pagg. 91 - ISBN 9788836805969 - Euro 9,50



"E´ così breve l´amore, ed è sì lungo l´oblio"



Una bellissima lettura, quella offerta da "Venti poesie d´amore e una canzone disperata" di Pablo Neruda (1904-1973), poeta cileno che non ha certo bisogno di alcuna presentazione.
Tra le più importanti voci della poesia del Novecento a livello mondiale e Premio Nobel per la Letteratura all´inizio degli anni Settanta, Neruda (pseudonimo di Ricardo Neftalí Reyes Basoalto) pubblicò questa sua raccolta poetica nel 1924, ottenendo uno straordinario successo di pubblico e critica.
L´edizione italiana della casa editrice fiorentina Passigli premette all´opera una presentazione dell´autore sudamericano pronunciata all´Università di Madrid da García Lorca nel 1934, nella quale si consiglia "di ascoltare con attenzione questo gran poeta". Tra le pagine di questa raccolta del periodo giovanile, venti componimenti senza un titolo effettivo, se non le prime parole del primo verso di ogni singolo testo. Venti poesie che, come anticipa il titolo della pubblicazione stessa, mettono al centro principalmente l´amore, tema ripreso anche dalla breve e conclusiva "Canción desesperada", dove inoltre viene posto l´accento sulla condizione di abbandono e solitudine vissuta dal poeta. Malinconia, tristezza, dolore attraversano i versi in un intreccio sublime, sullo sfondo di un paesaggio marino che si fa paesaggio dell´anima.

"Ah vastità di pini, rumore d'onde che si frangono,
lento gioco di luci, campana solitaria,
crepuscolo che cade nei tuoi occhi, bambola
chiocciola terrestre, in te la terra canta!
[...]"

Questo lavoro viene considerato fondamentale poiché da esso, come sottolinea nella prefazione il curatore Giuseppe Bellini, tra i massimi studiosi dell´opera nerudiana, "prende avvio il rinnovamento radicale della poesia ispano-ameticana successiva al modernismo", con una notevole influenza esercitata anche sui poeti europei.
Meraviglioso il linguaggio utilizzato, ricco di metafore e immagini affascinanti che dipingono l´interiorità del poeta e non possono non colpire il lettore attento: dalle spighe che si piegano "sulla bocca del vento" alle nuvole che divengono "bianchi fazzoletti d´addio", dagli uccelli che nella notte "beccano le prime stelle" alle "tristi reti" gettate in un mare che scuote "occhi oceanici" di una lei indefinita.
Una scrittura di notevole profondità. Un classico intramontabile della poesia del secolo scorso, imperdibile per gli appassionati delle letture in versi!


Laura Vargiu

 
©2006 ArteInsieme, « 014315083 »