Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il diavolo sulle colline, di Cesare Pavese, edito da Einaudi e recensito da Siti 09/06/2024
 

Il diavolo sulle colline - Cesare Pavese - Einaudi - Pagg. 158 - ISBN 9788806245924 - Euro 11,50



Scritto nel 1948, questo romanzo breve appartiene insieme a "La bella estate" e "a Tra donne sole" alla trilogia "La bella estate" pubblicata da Pavese nel 1949. Compare in seconda posizione, centrale, presumo nel rispetto dell´ordine cronologico di composizione. Fra i tre è però il primo che leggo e ne scrivo avendo poi letto nel frattempo "La bella estate", curiosissima a questo punto di terminare la trilogia per identificare meglio i punti in comune fra i tre scritti. Lo si può già fare, in realtà, perché tutto in Pavese rimanda a Pavese e alla collina e, personalmente, a uno stato ansioso che i suoi scritti suscitano in me. Nello specifico, in questo romanzo breve domina l´inquietudine dell´età giovanile, colta in un gruppo di tre ragazzi universitari, uno è la voce narrante che riporta eventi e stati d´animo personali e si identifica con l´intellettuale del gruppo, gli altri Oreste e Pieretto. Durante uno dei loro vagabondaggi notturni nel tessuto urbano cittadino di Torino decidono di salire in collina e lì incontrano fortuitamente un giovane ricco alla guida di un´automobile; è Poli, conosciuto a Oreste, il quale da bambino vi aveva giocato insieme, essendo i genitori di lui ricchi proprietari terrieri nella collina circostante il suo piccolo paese. Il ragazzo non sta bene, chi lo conosce sa che abusa di alcool e di droga. É il punto di frattura della loro vita e della loro stagione bella che li porta a lasciare Torino per trascorrere l´estate presso la famiglia di Oreste e a frequentare assiduamente Poli il quale si è anche lui rifugiato in collina dopo essere stato ferito quasi a morte da Rosalba, la sua amante. Nella sua villa decadente scoprono che in realtà lui è sposato con Gabriella la quale lo assiste nella convalescenza, continuando ad ospitare la notte gruppi di festanti coetanei provenienti dalla città.

A queste feste parteciperanno, in una sorta di rito iniziatico, anche i nostri tre giovani. La voce narrante vive con ansia il primo incontro, gli sviluppi successivi e l'estate in collina, si fa portavoce di riflessioni sociologiche sul diverso vivere in relazione all´appartenenza alle diverse classi sociali, si identifica nel vivere sano degli abitanti della collina ( i suoi genitori la abitavano quando era piccolo e lui la ritrova ora), vuole capire quanto l´uomo abbia profanato la terra o se ancora ve ne è di vergine.
Vive una sorta di simbiosi panica con la terra e soffre del suo non riuscire a profanarla.
"-Ecco una cosa- dissi a un tratto- che non si può fare. Stare nudi in un bosco e riempirsi di vino. - Perchè no?- disse Oreste. - Neanche far l´amore in un bosco si può. In un bosco vero bosco. L´amore e il bere sono cose civili..."

C´è tutto Pavese, le sue difficoltà con le donne, l´ancestrale rapporto con il sesso e con la terra, il disincanto rispetto alla vita, l´urgenza di recuperarla nella sua innocenza, quella persa definitivamente in un´estate in cui il diavolo ha profanato la collina e ha aperto uno squarcio nella loro vita: "Tutto il nostro passato con lui diventava proibito, un inciampo..." Una morale che sorda resiste, impersonata da una vecchia zia di Oreste, una nuova religione che è quella semplice del padre di famiglia, del padre di Oreste, un interlocutore necessario in Pieretto che sollecita nei ripetuti scambi dialogici la lettura della realtà e infine tutto il pessimismo di Poli, un `anima decadente, una parte di Pavese.
Intenso e inquietante, lo innalzo al rango di "La luna e i falò".


Siti


 
©2006 ArteInsieme, « 014403047 »