Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Nives, di Sacha Naspini, edito da E/O 30/03/2021
 
Nives

di Sacha Naspini

Edizioni E/O

Narrativa

Pagg. 144

ISBN  9788833572499

Prezzo Euro 15,00



Una lunghissima telefonata



Naspini è una mia vecchia conoscenza, nel senso che come ha iniziato a scrivere ho cominciato pure io a leggere le sue opere pubblicate, a quel tempo, dal Foglio Letterario, la piccola casa editrice gestita da Gordiano Lupi. Ricordo che appunto a quest’ultimo, dopo aver letto I sassi, dissi che aveva fra i suoi autori uno che si staccava sicuramente dagli altri, un autentico talento che sarebbe emerso prepotentemente con il tempo dopo aver maturato la necessaria esperienza e aver dato allo stile l’impronta personale. Non mi sono sbagliato, sono venuti altri libri, pubblicati da un editore sicuramente più noto (E/O), che ho recensito positivamente anche se lo stile non ha ancora raggiunto la sua personale impronta, cioè quell’insieme di caratteristiche che ti fanno dire, leggendo un brano e non conoscendo il nome di chi l’ha scritto, di che autore si tratti. E’ un elemento di sicuro assai importante e mi meraviglio che ancora non sia proprio di Naspini, una mancanza che trova conferma anche nel caso dell’ultimo romanzo pubblicato, questo Nives di carattere rurale e ambientato nella campagna toscana. La storia in sé è deboluccia, cioè questa donna, rimasta sola dopo la morte del marito, si fa compagnia con una gallina, che una sera, di fronte a un pubblicità televisiva del Dash (Das nel libro), si imbambola, tanto da sembrare morta, e per quanti sforzi faccia la signora Nives non riesce a farla tornare in sé; ecco che allora non trova di meglio che telefonare a un veterinario amico di famiglia, un colloquio a mezzo filo dove ne saltano fuori di tutti i colori, una trama di tradimenti, di corna, di cornuti e cornute che non è male, ma di certo non è il massimo, perché troppo lasciata a se stessa. Nasce così un dialogo lunghissimo, da fattura telefonica da capogiro, purtroppo continuo, mai intervallato da stacchi, il che, come noto, finisce con lo stancare il lettore. Fra l’altro qualche interruzione in cui magari ci fosse stata una descrizione degli ambienti, oppure meglio ancora un temporanea tregua, con ripresa il giorno successivo, sarebbe stata l’ideale. Il ritmo troppo blando induce allo sbadiglio, anche se per fortuna alla fine si passa a un crescendo con fuoco. Intendiamoci, Nives non è un brutto romanzo, ma segna un calo consistente nella qualità delle opere di Naspini, il che è decisamente un peccato.

Spero che il prossimo libro riscatti questo, perché se il mio giudizio su Nives è quello di un’opera al massimo discreta, resta invariata la mia stima nel Naspini scrittore, che però deve ancora crescere e affinare le sue indubbie qualità.


Sacha Naspini ha pubblicato vari libri, tra cui "I sassi" (Il Foglio), "Noir Désir. Nè vincitori nè vinti" (Perdisa Pop), Con "I Cariolanti" (Elliot, 2009) si è rivelato una delle migliori voci della narrativa italiana di oggi. Nel 2012 Elliot ha pubblicato anche il suo romanzo "Le nostre assenze", racconto degli avvenimenti che hanno coinvolto tre generazioni di una famiglia toscana. Il suo sito web è www.sachanaspini-eu.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 010976534 »