Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  L’onore di Roma. Il legato romano, di Guido Cervo, edito da Piemme 24/04/2021
 
L’onore di Roma. Il legato romano

di Guido Cervo

Edizioni Piemme

Narrativa

Pagg. 571

ISBN 9788855446495

Prezzo Euro 11,90


Ultimo romanzo della trilogia



Con L’onore di Roma si completa la trilogia del legato romano (gli altri due romanzi sono Il legato romano e La legione invincibile). Considerato che si tratta del completamento di un’opera di un impegno certamente notevole mi sarei aspettato una partecipazione massiccia della figura di Valerio Metronio, cioè del legato romano, e invece questo è il libro ove appare meno, limitando la sua presenza alle pagine inziali con il suo ingresso a Lungudunum vincitore su Erennio Proculo che imprudentemente si era proclamato imperatore e che ora, con la moglie e il figlio, è in fuga, diretto nella zona di occupazione dei bagaudi, contadini e pastori celtici datisi alla macchia e diventati feroci briganti. Altri personaggi invece animano queste pagine, alcuni già presenti negli altri due romanzi, altri che si affacciano ora reclamando un po’ di notorietà. Uno si eleva su tutti ed è il retore e filosofo Marsilio, catturato, mentre cerca di tornare in Italia nelle terre natie, proprio dai bagaudi che gli lasciano un certo grado di libertà, visto quanto é inoffensivo e tenuto conto delle sue capacità, dovute anche a fortuna, di curare con le erbe. Il fil rouge del romanzo tuttavia è la ricerca del figlio del nobile romano Caio Amulio Aquilino, rapito dai bagaudi per farne oggetto di riscatto. Il bimbo però, grazie soprattutto a Marsilio, riesce a fuggire, ritornando alla casa paterna e dando indicazioni ai militari romani per raggiungere la base dei predoni e distruggerla. Nell’ambito della vicenda c’è poi lo sviluppo di un’ulteriore trama legata da un lato alla fine di Erennio Proculo e dall’altro alla possibilità di salvezza di sua moglie e del figlio, moglie che è la sorellastra di Barbaro, il feroce capo dei bagaudi. Non bastasse c’è anche la sollevazione di Gaio Quinto Bonoso, che, temendo serie conseguenze per aver perso la flotta sul Reno a opera dei Germani, si autoproclama imperatore, ma farà una brutta fine, perché l’uomo di riferimento di Roma, il capace e fedele Valerio Metronio lo sconfiggerà e lo farà giustiziare.

Anche in questo romanzo ritroviamo la fedeltà dell’autore a fatti effettivamente avvenuti, come appunto il caso dei due autoproclamatisi imperatori, la capacità di avvincere dalla prima all’ultima pagina con una narrazione snella che non trascura tuttavia un’accurata ambientazione e un’attenta analisi psicologica dei maggiori protagonisti, insomma una realizzazione di pregevole fattura. Va da sé che la lettura, veramente gradevole, è più che consigliata.



Guido Cervo vive e lavora a Bergamo. È autore di romanzi di successo, tutti pubblicati da Piemme, tra cui "La trilogia del Legato romano", che ora viene riproposta, nel suo primo volume, in una nuova versione, la serie Il Teutone e due romanzi che affrontano i tragici conflitti mondiali del Novecento: Via dalla trincea e Bandiere rosse, aquile nere.


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 010976621 »