Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Enchiridion celeste, di Alessandro Ramberti, edito da Fara 14/10/2022
 
Enchiridion celeste

poesie

di Alessandro Ramberti

Fara Editore

Poesia

Pagg. 56

ISBN 978-88-9293-059-9

Prezzo Euro 7,00


Non arrendersi mai


Il primo problema che ho dovuto affrontare nel leggere questa raccolta è stato il titolo, per me del tutto incomprensibile. Qualcuno potrà dire che è una parola greca, ma a suo tempo purtroppo ho studiato solo il latino, e non anche il greco. E allora mi sono dato alle ricerche, in Internet, e così ho appreso che è un manuale ed è anche il titolo di uno scritto di filosofia e di etica stoica dello scrittore greco-romano Arriano. E quel celeste perché c’è? Il manuale potrebbe essere di qualsiasi colore, ma perché proprio celeste? Ci penserò, perché può darsi che nel corso di lettura arrivi la risposta.

Si diceva del manuale e di che si tratti si capisce abbastanza facilmente, in pratica sono consigli su come accettare con serenità i dubbi e i timori che sono insiti nella strada della vita che percorriamo. Senza con questo fornire un modo di comportamento, anche perché tanti, anzi troppi sarebbero i casi, verso dopo verso, pur apprezzando l’opera, ho in me quel tarlo che reclama, dapprima lieve, e poi a viva voce, il motivo di quel celeste. Quasi a indispettirmi devo arrivare quasi in fondo per scoprirlo, perché dopo una prima parte intitolata “Idilli” ne viene una seconda, che nemmeno a farlo apposta l’autore ha classificato come “Piccolo manuale per abbracciare il cielo”. Devo tuttavia riconoscere che, considerando il notorio spirito religioso di Alessandro Ramberti, avrei dovuto capire subito, ma allora come avrei potuto leggere anche con l’interesse di chi sta cercando una risposta le poesie che compongono la raccolta? Non avrei potuto forse apprezzare nella giusta misura “Nel bosco” ( Un tuono mi richiama / risalgo dal torpore / mi aggrappo a delle immagini / la luna sul sentiero / il rumore dei sassi / un niente di respiro.) che non sono solo versi con cui si descrive un aspetto della natura, ma sono il risvolto intimistico di una visione che va oltre la realtà, una sensazione di un’immagine che si vede più con il cuore che con gli occhi.

C’è sempre nell’uomo quell’ansia di correre, di fuggir via non si sa da cosa, di leggere a raffica le poesie, di trovarsi poi all’ultima sera con in mano solo un pizzico di fredda cenere, è in fondo un passar via per non affrontare i dubbi e i timori della vita, e invece c’è sempre una via di fuga e siamo noi a doverla cercare, un percorso che non è senz’altro facile, ma che ci fortifica, ci rende uomini, dà un senso a un’esistenza che da grigia può diventar celeste.

Da leggere, non c’è dubbio.




Alessandro Ramberti (Santarcangelo di Romagna, 1960) laureato in Lingue orientali a Venezia, master (UCLA) e dottorato (Roma Tre) in Linguistica, ha pubblicato in prosa: Racconti su un chicco di riso (Pisa, Tacchi 1991) e La simmetria imperfetta con lo pseudonimo di Johan Haukur Johansson (2022). Con la poesia Il saio di Francesco ha vinto il Pennino d’oro al Concorso Enrico Zorzi 2017. Le più recenti raccolte di versi sono: Vecchio e nuovo (2019), Faglia (2020) e Medèla (2021).



Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 012411603 »