Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  L'uomo del porto, di Cristina Cassar Scalia, edito da Einaudi 24/10/2022
 
L’uomo del porto

di Cristina Cassar Scalia

Edizioni Einaudi

Narrativa

Pagg. 328

ISBN 9788806252939

Prezzo Euro 12,50


Ancora un poliziesco avvincente


Non c’è indagine più difficile di quella in cui la vittima è un uomo stimato, irreprensibile professore di filosofia, che non ha una seconda vita, e il caso risulta ancor più complesso da risolvere qualora il funzionario di polizia a cui è affidato, cioè il vicequestore Vanina Guarrasi, non abbia piena libertà di movimento, in quanto assegnataria di una scorta dopo un avviso pervenutole di chiaro stampo mafioso; ma se può contare sulla sua affiatata squadra, sulla fiducia riposta in lei dai suoi superiori, sulla collaborazione del commissario in pensione Biagio Patané la cui esperienza e il cui fiuto sono di notevole aiuto, tuttavia i problemi familiari, come quello della diffidenza nei confronti del secondo marito di sua madre e quello affettivo che si trascina nell’incertezza con il magistrato di Palermo Paolo Malfitano, appare evidente che l’indispensabile tranquillità richiesta per condurre un’indagine, peraltro particolarmente difficile, costituisca una pura chimera. Se è vero che agli inizi si brancola nel buio poco a poco tutto si schiarisce, operando con la pazienza dei certosini, con l’affiatamento del gruppo, con le moderne tecnologie, ma ricorrendo anche all’intuito. E’ così che una storia che pareva aver avuto origine tanti anni fa ha una sua spiegazione e che l’omicidio di una brava persona viene risolto, per la gioia del lettore che fra tanti indizi viene condotto per mano alla scoperta del colpevole. E anche la minaccia mafiosa ha una sua conclusione, ovviamente nel migliore dei modi, così che abbiamo la certezza di poterci appassionare ad altri casi con il vicequestore Vannina Guarrasi e la sua sperimentata squadra. Lo stile come al solito è snello, i personaggi sono ben delineati, così come l’atmosfera; inoltre la trama, sebbene complessa, è logica seguendo un filo conduttore preciso e che non si spezza mai. La lettura è senz’altro piacevole e ovviamente è anche consigliata.



Cristina Cassar Scalia (1977)  è originaria di Noto. Medico oftalmologo, vive e lavora a Catania. Ha raggiunto il successo con i romanzi Sabbia nera (2018), La logica della lampara (2019), La Salita dei Saponari (2020), L’uomo del porto (2021) e Il talento del cappellano (2021) – tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero – che hanno come protagonista il vicequestore Vanina Guarrasi; da questi libri, venduti anche all’estero, è in progetto la realizzazione di una serie tv. Con Giancarlo De Cataldo e Maurizio de Giovanni ha scritto il romanzo a sei mani Tre passi per un delitto (Einaudi Stile Libero 2020).


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 012411707 »