Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  Il giovane sbirro, di Gianni Biondillo, edito da Guanda 05/11/2022
 
Il giovane sbirro

di Gianni Biondillo

Guanda Editore

Narrativa

Pagg. 348

ISBN 9788860880567

Prezzo Euro 16,00


Troppa carne al fuoco


Dopo la lettura, veramente appagante, di Per cosa si uccide, primo romanzo scritto da Gianni Biondillo, mi aspettavo, in tutta sincerità, una riconferma con questo Il giovane sbirro e invece mi sono trovato fra le mani un libro in cui gli innegabili pregi dell’autore risultano sprecati. Che si dovesse parlare dei precedenti dell’ispettore Michele Ferraro mi è sembrato giusto, anche perché così è stato possibile conoscere l’origine degli altri consueti personaggi di contorno (la moglie Francesca, da cui si separerà, la figlia Giulia, il simpatico e premuroso fruttivendolo Don Ciccio, i colleghi Lanza e Comaschi), però che questo avvenisse con il supporto di più di una indagine, anzi un bel po’ di più, e con il ricorso frequente a salti temporali non mi è andato giù. Sì, non l’ho gradito perché quando leggo un libro detesto tutte quelle vicende che mi ingenerano confusione e che tolgono il ritmo, demoliscono l’indispensabile tensione, finiscono quasi con l’indispettire. Biondillo ha messo troppa carne al fuoco e per complicare la cottura ha inserito dei frequenti flashback, così che ho avuto dei momenti di autentica confusione. Già l’inizio non è dei più accattivanti, perché se si dice che l’incipit ha la sua importanza, nel caso specifico mi ha fatto venire la voglia, dopo una decina di pagine, di abbandonare la lettura; ho tuttavia proseguito e per fortuna andando avanti le cose sono un po’ migliorate, con dei casi che mi hanno destato interesse, inframmezzati ad altri francamente un po’ banali, ma è solo verso la fine che ho cominciato a ritrovare il Biondillo che mi ha così favorevolmente impressionato con Per cosa si uccide, un po’ troppo tardi però per poter modificare il mio giudizio che non è certamente negativo, ma solo appena un po’ più che discreto.



Gianni Biondillo (Milano, 3 febbraio 1966). Architetto e saggista scrive per il cinema e per la televisione. Fa parte della redazione di Nazione Indiana. Ha pubblicato per l'Universale di Architettura diretta da Bruno Zevi, Carlo Levi e Elio Vittorini. Scritti di architettura (1997) e Giovanni Michelucci. Brani di città aperti a tutti (1999).
Nel 2001 ha pubblicato, per Unicopli: Pasolini. Il corpo della città, con un'introduzione di Vincenzo Consolo.
Il suo primo romanzo, nel 2004 per i tipi di Guanda, è Per cosa si uccide, "un tributo di riconoscenza dello scrittore verso la propria città, che viene descritta in tutte le sue molteplici sfaccettature".
Sempre per Guanda sono usciti Con la morte nel cuore  (2005), Per sempre giovane (2006), Il giovane sbirro (2007) e nel 2008 la raccolta di saggi Metropoli per principianti, il saggio Manuale di sopravvivenza del padre contemporaneo, scritto a quattro mani con Severino Colombo, oltre all'antologia di racconti erotici al maschile da lui curata, Pene d'amore.
Del 2014 il racconto lungo Nelle mani di Dio. Un'indagine dell'ispettore Ferraro (Guanda).
Nel 2015 ha pubblicato L'incanto delle sirene. Un'indagine dell'ispettore Ferraro, nel 2016 Il giovane sbirro Come sugli alberi le foglie, e nel 2018 Il sapore del sangue sempre con Guanda. 


Renzo Montagnoli


 
©2006 ArteInsieme, « 012411369 »