Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La carrozza della santa, di Cristina Cassar Scalia, edito da Einaudi 03/01/2023
 
La carrozza della santa

di Cristina Cassar Scalia

Edizioni Einaudi

Narrativa

Pagg. 284

ISBN 9788806251390

Prezzo Euro 18,00


Un altro episodio che non convince


E con questo sono cinque, anzi sei, i romanzi che ho letto con protagonista il vice questore Vanina Guarrasi, episodi di una serie nati dalla penna di Cristina Cassar Scalia. Sono sei e non cinque, perché di tutti ho scritto la recensione, tranne di uno, Il talento del cappellano, che non mi era assolutamente piaciuto, tanto forse da meritare una nota negativa, ma che ho voluto considerare un incidente di percorso, tale da non inficiare un giudizio di una serie nel complesso positivo. Ho sperato in un caso del tutto occasionale, in una prova non riuscita, convinto che con il successivo avrebbe rimediato. Purtroppo così non è stato, perché La carrozza della santa, pur partendo decisamente bene con questo morto ammazzato rinvenuto in una pozza di sangue nell’androne del municipio, dentro una delle Carrozze del Senato e in occasione della conclusione dei lunghi festeggiamenti in onore di Sant’Agata, ha palesato quasi da subito una pericolosa involuzione, con l’impressione di un qualcosa di già letto. Infatti puntuali, come in una telenovela, è ricomparsa la ricerca dell’ultimo mafioso che aveva assassinato il padre di Vanina, in uno con la tormentata vicenda d’amore con Paolo Malfitano, procuratore aggiunto in perenne lotta con la criminalità organizzata siciliana. Poi ritornano tutti gli altri della squadra investigativa, della polizia scientifica, l’amica avvocata perennemente in movimento e lui, l’ex commissario Biagio Patanè, con la consorte sempre più gelosa, una figura quella del funzionario di polizia in pensione che forse in origine doveva essere occasionale, ma che diventa sempre più importante, sia come presenza, sia come intuizioni relativamente alle indagini. Ci sono i piccoli screzi, gli amori che sbocciano, pasti luculliani, insomma tutti aspetti degli episodi precedenti, e sarebbero anche utili all’opera se poi invece non risultassero carenti gli aspetti tipici del giallo, con una conclusione che francamente è del tutto campata in aria. D’altra parte la scrittrice intende privilegiare altre cose, altri aspetti, ma, dimenticando che si tratta di un poliziesco, mi sembra logico che le indagini dovrebbero essere i fini del romanzo, e non un pretesto.

Come puro svago La carrozza della santa può andare, pur presentando un ritmo non omogeneo, ma come letteratura di genere viene meno ai suoi scopi, il che comporta che, giunti al termine, si resti con l’amaro in bocca, certamente non convinti della soluzione del caso, affrettata e con non poche incongruenze.

Si può leggere certamente, ma consapevoli dei non pochi limiti.



Cristina Cassar Scalia (1977)  è originaria di Noto. Medico oftalmologo, vive e lavora a Catania. Ha raggiunto il successo con i romanzi Sabbia nera (2018), La logica della lampara (2019), La Salita dei Saponari (2020), L’uomo del porto (2021) e Il talento del cappellano (2021) – tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero – che hanno come protagonista il vicequestore Vanina Guarrasi; da questi libri, venduti anche all’estero, è in progetto la realizzazione di una serie tv. Con Giancarlo De Cataldo e Maurizio de Giovanni ha scritto il romanzo a sei mani Tre passi per un delitto (Einaudi Stile Libero 2020).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 012613385 »