Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  La Sanseverino, di Gigliola Fragnito edito da Il Mulino 05/02/2023
 
La Sanseverino.

Giochi erotici e congiure nell'Italia della Controriforma

di Gigliola Fragnito

Edizioni Il Mulino

Storia

Pagg. 216

ISBN 9788815290632

Prezzo Euro 24,00


La frenesia di vivere


Se si passa per Colorno, grazioso paese nei pressi del Po in provincia di Parma, è pressoché doveroso fare una visita alla sua famosa Reggia, soprattutto da quando è stata restaurata dopo anni di utilizzo inappropriato (era un ospedale psichiatrico). Le sue oltre 400 sale e il magnifico giardino rappresentano un’indubbia attrattiva, ma non è solo una questione artistica l’interesse per questo palazzo ducale, perché lì, sul finire del 1500 e gli inizi del 1600, ci fu una corte assai famosa e questo per merito di Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Sala e signora di Colorno. Era una donna esuberante, famosa per la sua bellezza e anche per la frenesia con cui conduceva la sua esistenza, tutta dedita al divertimento, non escluso quello erotico. Anzi sotto quest’ultimo aspetto Barbara Sanseverino e i componenti della sua corte erano piuttosto noti; in quelle sale si folleggiava, ma anche si parlava di poesia, si ascoltava la bella musica, si tenevano feste che duravano giorni e giorni, insomma la reggia era un autentico tempio del piacere. Ma, anche quando era in trasferta, Barbara continuava in questa vita di eccessi, un autentico faro che chiamava a sé tutti i gaudenti. E questo benché fosse sposata, con prole anche, insomma era un carattere del tutto particolare, invocava una libertà che per i tempi era un po’ troppo in anticipo. Le feste, i piaceri della carne però non la distraevano dal difendere i suoi piccoli possedimenti, ambiti notevolmente da Ranuccio I Farnese, duca di Parma, un personaggio a tinte fosche teso continuamente ad ampliare il suo potere. Per quanto ovvio fra lui e i Sanvitale non correva buon sangue, tanto più che questi ultimi erano in stretta amicizia con Vincenzo I Gonzaga, duca di Mantova, che era detestato da Ranuccio a causa del matrimonio con sua sorella Margherita durato appena due anni e annullato per una malformazione fisica della sposa che non permetteva di consumarlo.

Il Signore di Parma, peraltro, sempre teso ad ampliare il suo potere, provvide a limitare i diritti dei nobili del suo ducato provocando un generale malcontento al punto che ordirono una congiura, probabilmente anche stimolati dal potente Vincenzo I. Scoperta la cospirazione, la reazione di Ranuccio fu spietata, i partecipanti furono imprigionati e quasi tutti condannati alla pena capitale. Fra essi c’era anche Barbara Sanseverino, la cui testa fu mozzata ricorrendo a un mannarino, che si usa solitamente per gli animali, .anziché a una mannaia. Si concludeva così tragicamente la vita di una donna che comunque spese bene, come desiderava, gli anni della sua esistenza.

Di lei ci parla la storica Gigliola Fragnito con La Sanseverino, un saggio ben strutturato, in grado di presentare un ritratto completo, sia dal punto di vista degli eventi che della psicologia del personaggio. Se c’è un appunto da fare, l’unico è lo stile un po’ accademico che, per restare strettamente connessa ai fatti, implica una narrazione che in alcuni punti può apparire greve. Nel complesso però l’opera ha una sua valenza perché permette di comprendere un’epoca e una protagonista, la cui spumeggiante vitalità era frutto di una libertà del genere femminile troppo avanti per quegli anni.



Gigliola Fragnito ha insegnato Storia moderna nell’Università di Parma. Con il Mulino ha pubblicato anche «La Bibbia al rogo. La censura ecclesiastica e i volgarizzamenti della Scrittura» (1997, nuova ed. 2015), «Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna» (2005), «Cinquecento italiano. Religione, cultura e potere dal Rinascimento alla Controriforma» (2012), «Storia di Clelia Farnese. Amori, potere, violenza nella Roma della Controriforma» (2013, nuova ed. 2016), «Rinascimento perduto. La letteratura italiana sotto gli occhi dei censori» (2019).


Renzo Montagnoli

 
©2006 ArteInsieme, « 014055815 »