Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Recensioni  »  L'occhio verde dei prati, di Donatella Nardin, edito da Fara 10/05/2023
 

The green eye of the fields - L´occhio verde dei prati

di Donatella Nardin

Fara Editore

Poesia

Pagg. 144

ISBN 978-88-9293-031-5

Prezzo Euro 13,00



La sacralità della natura



Donatella Nardin sembra avere una particolare passione per la natura e per le interazioni fra la stessa e gli esseri umani; ho potuto notare questa sua attitudine con le precedenti sillogi Terre d´acqua e Rosa del battito. Non è quindi per nulla strano la riproposizione di questa tematica con la nuova raccolta L´occhio verde dei prati il cui titolo è già di per sé molto esplicativo ed è quello della poesia iniziale (L´occhio verde dei prati, risvegliato, / fa nido bevendo la nuda / chiarità del mattino / come le vite care appese alle finestre /

del loro infinito mancare, / come il biondosole, amore riverso / tra le scapole azzurre rotte / da assenze, commiati, afasie. /...). Peraltro, proprio da questi versi emerge un elemento nuovo, lo stile che cerca di rompere con il passato per giungere a un linguaggio espressivo più immediato, ricorrendo a termini più ricercati, come nel caso di "chiarità" che ben esprime la trasparenza e la luminosità dell´aria, o addirittura ne conia di nuovi, unendo un sostantivo a un aggettivo, "il biondosole", sempre con lo scopo di trasmettere con più efficacia il messaggio insito nella lirica.

In quest´ottica, nella costante immersione della natura che ci circonda, la poetessa giunge a proporre un caleidoscopio di colori, che vanno dal giallo di Una granita al limone all´azzurro del cielo di Per un attimo almeno. Sarei però molto incompleto se mi limitassi a evidenziare questa immersione della natura e se non parlassi anche delle sempre presenti interazioni con la stessa, degli stati d´animo esposti con visioni di ciò che ci circonda, come nel caso di Il nettare biondo (Piovvero allora diafane / lacerazioni sui volti / inerti, sottili. / Fu un avvinghiare di nuvole / dall´amaro risvolto / quel non essere presenti / alla vita, spillare a fatica / dai succhi sapienti il nettare / biondo per poi misurarne / l´audacia. / Orgoglio di malcelata / mestizia, fu un deporsi / sul fianco abbacinato del poco / il patire tacendo per anni / e anni e secoli ancora.) Come dice bene Carla De Angelis nella sua prefazione si ritrova in questi versi, ma anche in tutti quelli della raccolta, la sacralità della natura, la grande madre di noi tutti che spesso dimentichiamo e consideriamo serva dei nostri voleri e piaceri.

Questo concetto, che sta prendendo piede e che è un ritorno a considerarci non al di sopra, ma parte della natura stessa, mi consola, perché l´uomo sta piano piano ritrovando il suo ruolo nel caos perfetto della creazione e in quanto tale ricomincia ad apprezzare nel giusto modo il piacere di vivere.

Da un senso della vita puramente materiale ed edonistico che caratterizza la nostra società si passa così nella poesia di Donatella Nardin a una visione trascendente, a un´Arcadia contemporanea di un mondo in cui la natura, che a noi sembra diventata nemica, è invece il catalizzatore indispensabile per una nostra redenzione, per un ritorno a quei valori e a quei sentimenti che la pura materialità non ha cancellato, ma solo celato.

La poetessa conferma quindi ancora una volta, e in modo ancor più esplicito, la sua visione della vita, il senso da dare alla stessa, quelle sensazioni ed emozioni che riusciamo a cogliere in noi solo se siamo in grado di comprendere che il mondo non siamo noi, ma che noi siamo parte del mondo.

Da leggere, indubbiamente.



Donatella Nardin è nata e risiede a Cavallino Treporti (VE). Dopo gli studi classici, ha lavorato nel settore turistico. Sue poesie e racconti, premiati in numerosi concorsi letterari, sono stati inseriti in antologie di diverse case editrici (LietoColle, Empiria, La Vita Felice, Puntoacapo, Terre d´ulivi...), in alcune riviste anche straniere, in siti web e lit-blog. Alcune sue liriche sono state tradotte in inglese, francese e giapponese. In poesia ha pubblicato: con Il Fiorino la silloge In attesa di cielo e la raccolta di haiku Le ragioni dell´oro; con Fara Terre d´acqua e Rosa del battito. Sue sillogi sono state di recente premiate e inserite nei volumi: L´altra metà del cielo Ibiskos Ulivieri 2021), Distanze obliterate (Puntoacapo 2021) e Premio di Poesia Città di Mestre 2022 (Mazzanti Libri). In uscita la raccolta poetica Il dono e la cura (Aletti Ed.) con versione in arabo di Hafez Haidar.



Renzo Montagnoli



 
©2006 ArteInsieme, « 013815512 »