Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Il rudere, di Graziella Cappelli 10/05/2022
 
Il rudere

di Graziella Cappelli



Mi aspettavi

vecchio cadente

seduto

sulle pietraie

di antiche solitudini.

Una sciarpa

di rovi

ti avvolgeva

il collo

e sulle spalle

ricurve

la lucertola

mostrava

verdi movenze.

Primavera

ti spargeva

viole

alle caviglie

e narcisi infilava

nel taschino

scrostato

del panciotto.

Cantava il cuculo

in odore

di selva

e bianche

infiorescenze d'olivi.

Venni

ad abbracciarti

fra intrichi d'ortiche

e nel tuo antro

di un tempo

svanito

una nidiata

di rondinotti

mi cinguettò negli occhi.


 
©2006 ArteInsieme, « 011834442 »