Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia  Poesie di Natale  Racconti di Natale 

  Scritti di altri autori  »  Poesie  »  Al mio orto, di Sergio Menghi 20/05/2023
 

Al mio orto

di Sergio Menghi



Ti ho creato, anni fa, dalla terra

ormai incolta ed abbandonata

scampata da una cementizzazione

da decenni cresciuta indisturbata.


Il luogo, ameno, mi attrasse

per la sua ricchezza biologica

gią molto avanzata, nonostante corresse

soltanto il primo mese dell'anno.


Volli salvare soltanto alcune piante di ortaggi:

carciofi, cardi, asparagi, cicoria, bieta

ed altre erbe selvatiche commestibili

delle quali, pian piano, ne ho appreso il nome.


Mi accorgevo che sempre pił forte

cresceva una passione che mi staccava

da una vita, spesso monotona ed annoiata

migliorando il mio stato fisico e morale.


Crescenti erano anche gli apprezzamenti

dei frequenti passeggiatori

facendomi comprendere come l'esigenza

del verde naturale fosse sempre maggiore.


Quest'anno hai raggiunto il massimo splendore.

Sei pieno di piante di ogni specie, di profumi,

di fiori, di vari coli, di api, di farfalle, di lucertole,

di uccelli, non ho ancora visto la biscia, ma arriverą.


 
©2006 ArteInsieme, « 014136383 »