Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Marcos y Marcos 17/11/2006
 

Rispondono gli editori Claudia Tarolo e Marco Zapparoli della Marcos y Marcos

 https://marcosymarcos.com/


 

 

Le origini della vostra casa editrice?

 

Nel 1981 due amici, Marco Franza e Marco Zapparoli, stampano edizioncine di poesia, in tiratura limitata, aggraziata e numerata. Poi, ripescaggi di racconti di classica e contemporanei. Infine, un po' di veri inediti doc. La voglia di imparare era grande, l'ignoranza profonda. Ma gironzolando tra librai, tipografi, editori, gente piena di erudizione e di consigli opportuni, l'appetito si è accresciuto. E così pure il volume dei volumi.

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Difendere e mantenere una dimensione artigianale, un'idea di vera e propria bottega editoriale che cura ogni libro, in  ogni sua fase, come un prodotto unico e prezioso. Prezioso soprattutto nel senso che non deve andare sprecato, che dev'essere accompagnato con ogni attenzione nel momento della sua diffusione tra librai e lettori.

Scegliere i libri in base a una forte adesione personale, mai secondo ipotetiche considerazioni di mercato, e scommetterci fino in fondo.

Cercare libri che trasmettano un messaggio forte e coerente con le nostre convinzioni: che denuncino la violenza e la sopraffazione in ogni sua forma, che celebrino le meraviglie della vita e del mondo.

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell'editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

Secondo noi, diventerà più evidente la differenza fra proposte decisamente omologate, che nascono per il pubblico che compra e non legge, o semplicemente desidera mettersi a posto con la coscienza (massì massì, anche quest'anno ho comprato qualche libro): Di questi libri se ne venderanno a carrettate. E i libri dotati di contenuto, che propongono al lettore qualcosa di originale. In termini di pensiero, personaggi, stile, epoca.

I lettori scafati saranno sempre più esigenti. A caccia di un libro vero. Saranno pochi, ahimé, ma buoni.

Cercheremo di farli contenti.

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po' anche delle case editrici?

 

I libri offrono infiniti mondi da esplorare: l'importante è avere occasione di scoprirlo.

E' una scoperta che richiede amore, tempo e attenzione.

La frenesia di produrre troppo certamente non giova alla diffusione della lettura, e nemmeno la perdita di qualità...

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da voi editi?

 

Un lettore ideale non esiste, perché pubblichiamo libri piuttosto diversi fra loro.

Ma è possibile individuare alcuni tratti salienti, di natura più che altro comportamentale.

Dice "ciao bella" molto di rado.

Nella vita ama frugare: in libreria, in un bosco, in un mercato.

Può essere estremo, ombroso, cavilloso. Se decide di ridere, però, fa sul serio.

Vive di entusiasmi nascosti.

Non è esibizionista, pur sparandole grosse qualche volta.

La cosa più incredibile: se gli è piaciuto davvero il romanzo, non chiede lo sconto.

Se non gli è piaciuto il romanzo, desidera poterlo rendere.

 

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Le emozioni più grandi ce le danno i nostri autori italiani: con loro abbiamo davvero la sensazione di "mettere al mondo" qualcosa che prima non c'era. L'avventura di Cristiano Cavina, partita da un racconto; La lotteria di Luisa Ervas Carnielli, arrivata per posta in una busta qualsiasi; il Piemonte amaro di Davide Longo.

Il successo di questi libri è la nostra massima soddisfazione di editori.


 
©2006 ArteInsieme, « 014260473 »