Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Freschi di stampa  »  Il respiro di un secolo Un Novecento percorso dalla miseria, dalle epidemie, dagli orrori di due guerre, di Angela Cirone - Edizioni Solfanelli 09/06/2021
 
Il respiro di un secolo

Un Novecento percorso dalla miseria, dalle epidemie, dagli orrori di due guerre

di Angela Cirone

Edizioni Solfanelli

Narrativa

Pagg. 480

ISBN  9788833053332

Prezzo Euro 23,00





Michelina è una bracciante di Lucera, sveglia e perspicace. Nata nel Novecento, all'indomani della Grande Guerra si trova ad affrontare la pesante realtà del Sud, dilaniato dalla miseria, dalle epidemie, da crescenti disordini sociali. Nel 1922 sposa Antonio, anche lui bracciante, insoddisfatto della sua condizione e propenso a smaltire il magone in cantina, giocando a tressette e ubriacandosi. Di idee socialiste, Antonio vede nella lotta portata avanti dal partito l'unico mezzo per risollevare le sorti del suo paese. Sicché, quando a Lucera scoppia una rivolta contro l'aumento del prezzo del pane ne prende parte attiva. Ma le rivendicazioni vengono soffocate nel sangue. Michelina, intanto, intuisce che per orientarsi negli sconvolgimenti del suo tempo è necessario imparare a leggere e scrivere. Si lancia così nell'impresa, lasciandosi guidare da un maestro bambino e dal messalino delle preghiere da cui copia le lettere. Fallito il tentativo di far fortuna ad Addis Abeba, Antonio decide di emigrare a Torino, con la famiglia. Ma ancora una volta sbaglia i suoi conti. Ad attenderlo trova la minacciosa ombra di un'altra guerra profilata all'orizzonte.

Angela Cirone (1957), è nata a Bari e vive a Modugno. Pur dedicandosi a tempo pieno alla famiglia, ha sempre preso parte attiva alle iniziative culturali e sociali della sua realtà locale. Un occhio fisso al cielo e l’altro vigile in terra, conta sull’idea che se si cammina lungo le vie di quaggiù senza esplorare anche quelle di lassù alla fine avremo trovato solo ciò che è del mondo e al mondo resta, perdendo invece ciò che è veramente nostro.
     Ha contribuito col racconto “Il canto del gallo” alla raccolta Cronache di un tempo senza tempo (Tabula fati, Chieti 2020). Il respiro di un secolo è il suo romanzo d’esordio.


 
©2006 ArteInsieme, « 010981248 »