Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  News  »  Mostra Archimede Bresciani da Gazoldo (1881 - 1939) al Museo d'Arte Moderna dell'Alto Mantovano a Gazoldo degli Ippoliti; 9 ottobre - 19 dicembre 2021 27/09/2021
 
Archimede Bresciani da Gazoldo

dall’emozione divisionista al rigore espressivo novecentista

 

a cura di Gianfranco Ferlisi 

 

Gazoldo degli Ippoliti

9 ottobre – 19 dicembre 2021

 

 

L’antologica dedicata ad Archimede Bresciani (San Fermo [Redondesco], 1881 – Milano, 1939), allestita al MAM di Gazoldo degli Ippoliti, approfondisce e mette a fuoco un segmento dell’indagine sull’arte del territorio che da sempre è una mission di questo Museo, oggi punto di riferimento essenziale nel contesto mantovano. Sono dunque questo museo e questa comunità che, nel centoquarantesimo anno dalla nascita di un loro grande concittadino, ne riaccendono la memoria e gli dedicano una mostra prestigiosa e, finalmente, un’inedita aggiornata monografia.  

L’esposizione, con una selezione di sessanta opere, ripercorre e rilegge in modo approfondito tutta l’attività pittorica di Archimede, interrotta precocemente dalla morte, alla vigilia della catastrofe della Seconda Guerra Mondiale. La monografia, un volume in forma narrativa e in duecento pagine di testo, compendia, con una adeguata lettura critica, biografia e catalogo, e delinea soprattutto, attraverso un racconto di fatti e di vita, la personalità dell’uomo oltre che dell’artista: talento e introversione, successi e fragilità, delusioni e speranze, diversità e saggezza… Il ritratto di un artista legato alla sua terra d’origine ma appartenente anche allo scenario cosmopolita della collettività del suo tempo.

Le opere che la rassegna presenta sono esemplificative della dimensione artistica di Archimede. Dipinti come il Ritratto di Lucia Nodari Pesenti (1904), Sera d’inverno, (1910), come il Bernina (1915), come Alba Luminosa (1918), apriranno la strada a un percorso ricco, completo e rigoroso: dalle prove giovanili, cariche di riferimenti segantiniani, legate ai confronti con l’ambiente della tarda scapigliatura, passando attraverso la  forza dirompente del linguaggio divisionista - quando elaborava una visione idilliaca del  paesaggio alpino - si arriva alla svolta degli anni Venti, allorché, conosciuto il gruppo di Novecento Italiano, Archimede abbandona lentamente le sue attitudini tardo ottocentesche. Quindi, con il ripudio degli ‘ismi’ d’importazione straniera, ecco la partecipazione dell’artista al progetto collettivo di una declinazione pittorica italica e, nei dipinti degli anni Trenta, analogamente alla posizione espressa dalle nuove generazioni, ecco invece la sperimentazione, da parte di Archimede, di una sorta di antinovecento, con una tavolozza che ora riluce di toni più chiari, più lievi e delicati.  

Il tempo dell’esistenza per Archimede fu purtroppo breve. La Biennale di Venezia lo celebrava, nel 1940, con undici opere che riassumevano le tappe finali del suo percorso artistico: La Chiesina di San FermoL’Arco di TitoIl cancelloCortile della FattoriaPorto di ViareggioNatura MortaVeliero in cantiere, un vaso con bellissimi FioriNeve a CortinaStrada a Redondesco e il Ritratto della signora Guerci. Molte di queste opere sono in mostra a documentare i suoi punti d’arrivo.

Ciò che emerge, alla fine, dal progetto di questa rassegna, è l’autenticità di una vocazione pittorica, che finalmente fa riconoscere in Archimede Bresciani da Gazoldo una delle figure più rilevanti della pittura lombarda del primo Novecento. E il racconto, in parallelo alla mostra, del suo percorso di vita, inserisce l’immaginario artistico di Archimede nei grandi temi dei primi quarant’anni del Novecento. 

In tal senso l’arte di Archimede diventa specchio fedele delle mutazioni che hanno interessato, in quel periodo cultura, società e territorio, e gli attribuisce, nell’avvenuto riconoscimento della sua grandezza, il ruolo di protagonista del suo tempo che troppo a lungo gli è stato negato (gf). 

 



Orari di apertura della mostra


dal lunedì al sabato: 9:00 – 12:00

giovedì, sabato e domenica pomeriggio: dalle 15:00 alle 18:00



Catalogo
IL RIO EDIZIONI | www.ilrio.it | casaeditrice@ilrio.it



Servizi di prenotazione, accoglienza e informazioni turistiche Ufficio IAT di Mantova
www.comune.gazoldo.mn.it

www.turismo.mantova.it
info@turismo.mantova.it




Servizi di prenotazione, accoglienza e informazioni turistiche Ufficio IAT di Mantova
www.comune.gazoldo.mn.it

www.turismo.mantova.it
info@turismo.mantova.it



 
©2006 ArteInsieme, « 011369013 »