Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Lucia Bosè. L’ultimo ciack, di Laura Avalle, edito da Lorellini e recensito da Grazia Giordani 07/11/2021
 
Lucia Bosè. L’ultimo ciack – Laura Avalle – Morellini – Pagg. 160 – ISBN 9788862988612 - Euro 17,90




L’ editore Morellini si sta occupando da qualche tempo di figure femminili di rilievo. Per i suoi tipi letterari abbiamo già letto e molto apprezzato “Colette”, scritto da Nicoletta Sipos. Quindi, “Wallis Simpson”, scritto da Elena Mora. Ora è la volta di “Lucia Bosè”, sottotitolato “L’ultimo ciack”, scritto da Laura Avalle (pp.170, euro 17,90).

Lucia Bortoloni, nota al mondo come Lucia Bosè, nasce a Milano il 28 gennaio del 1931. Apprezzata per la sua grande bellezza, nel 1947 vince il titolo di Miss Italia, superando Gianna Maria Canale, Gina Lollobrigida ed Eleonora Rossi Drago. Fu musa di Visconti e Antonioni, solo per citare due dei grandi che la stimarono tanto.

Una carriera fulminante la sua, ma interrotta proprio al culmine della notorietà, quando decise di ritirarsi dalle scene per amore di Dominguin, il più grande torero di tutti i tempi, dal quale ebbe tre figli: Miguel Bosé, Lucia e Paola Dominguin. Lo seguirà fino in Spagna, dove vivrà anche dopo il divorzio, evento che segnerà il suo ritorno al cinema con Fellini, Taviani e Ozpetek. Un matrimonio d’amore e grandi sofferenze quello della nostra bellissima attrice. Le infedeltà del torero sono indescrivibili.

A illustrarcela nel romanzo biografico è il ricordo del regista del suo ultimo film, che parla di una donna eccezionale, indipendente libera e anticonformista. Era amante del blu (nei suoi ultimi anni di vita si era tinta i capelli di questo insolito colore). Credeva negli angeli, fatto che a noi potrebbe apparire come una stranezza. Ma lei, imperturbabile, nel 2000 corona il suo sogno e inaugura il suo Museo degli Angeli a Turégano, nella comunità autonoma di Castilla y Léon, chiuso poi nel 2007.

Nel 2017 riceve il premio Wilde Vip European Award

Fu considerata un’icona della bellezza italica. Si è spenta a Segovia nel marzo del 2020 all’età di 89 anni colpita dal Covid. Nella vita ha sempre lottato col coraggio di una leonessa.

Laura Avalle, autrice della biografia, è una scrittrice e giornalista esperta di salute e benessere. Tra le sue pubblicazioni, oltre a manuali di divulgazione scientifica, notiamo romanzi per editori di grande spessore.


Grazia Giordani


 
©2006 ArteInsieme, « 011368948 »