Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il tocco del piccolo angelo. Indagine a Milano, di Fiorenza Pistocchi, edito da Neos e recensito da Katia Ciarrocchi 05/06/2022
 
Il tocco del piccolo angelo. Indagine a Milano - Fiorenza Pistocchi – Neos – Pagg. 160 – ISBN 9788866084105 Euro 15,00




Ho lasciato passare diverso tempo prima di parlare de Il tocco del piccolo angelo di Fiorenza Pistocchi, perché mi aveva lasciato un po’ perplessa, ma devo dire che a distanza di mesi ne ho memoria.
Linette è una donna dal passato complicato: droga, prostituzione che cerca di riscattarsi dopo essere stata in carcere, inizia a lavorare come massaggiatrice presso una palestra e scopre di avere un dono speciale nel momento in cui si troverà coinvolta in un omicidio.
Fiorenza Pistocchi è una bella penna, ma quello che mi aveva lasciata perplessa era proprio la trama del libro che, nonostante ben sviluppata, non sono riuscita ad apprezzarla in pieno.
I personaggi sono ben delineati e il romanzo si legge con fluidità, ma la scelta dell’autrice di una narrazione lineare priva di colpi di scena a mio avviso penalizza l’intero romanzo. Nonostante ciò, ne consiglio la lettura, perfetta da assaporate sotto l’ombrellone.


Citazioni tratte da: Il tocco del piccolo angelo. Indagine a Milano

«Il buongiorno si vede dal mattino e le buone abitudini sono le prime a perdersi, come una goccia d’acqua pulita in una pozzanghera. A proposito, vai a lavarti le mani».

su come gestire la vita in generale. Diceva che non bisogna mai arrendersi perché ci sono situazioni in cui, a fin di bene, è necessario cedere una piccola parte di coscienza. È un prezzo da mettere in conto.

Ricordare qualcosa che non piace rende spesso inquieti e può provocare sofferenza, è più vantaggioso dimenticare, seppellire i ricordi paurosi negli spazi che la mente prepara a posto per loro, piccole nicchie lontane dalla coscienza e dal flusso dei pensieri razionali.


Katia Ciarrocchi


www.liberolibro.it


 
©2006 ArteInsieme, « 011940336 »