Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  La canzone di Achille, di Madeline Miller, edito da Marsilio e recensito da Siti 11/07/2022
 
La canzone di Achille – Madeline Miller – Marsilio - Pagg. 382 – ISBN 9788831780988 – Euro 12,00

-

De amore 2.0


Romanzo di esordio della docente statunitense, ormai consacrata agli allori dopo questa sua prima pubblicazione del 2011 con la riconferma di “Circe”(2018), vincitrice fra l’altro proprio con l’opera prima del premio Orange Prize, oggi altrimenti noto come Women's Prize for Fiction.
Si tratta di una rilettura dell’epos, una riscrittura mitologica, così viene definita la nuova tendenza della narrativa contemporanea, che vede editi lavori come “ Le Nuove Eroidi” (autrici varie, tra le tante V. Parrella, M. Murgia, T. Ciabatti, per citarne solo alcune), anno 2019, o se si vuole andare indietro nel tempo, 1983, “ Cassandra” di Christa Wolf o ancora il più recente “Il canto di Calliope” di Natalie Haynes o ancora “Il silenzio delle ragazze” di Pat Barker.
Si tratta, il più delle volte, di scritture appassionanti che mutuano il sentire contemporaneo per riproporre i miti e l'epos che tutti conosciamo. In questo caso alla base non solo l’Iliade ma anche l’Odissea e l’Eneide.
Il fulcro di questo romanzo è l’amore omosessuale che da elemento di sfondo, così nei poemi omerici, diventa invece il vero protagonista, affidato alla voce di Patroclo che canta appunto, novello Omero, la canzone di Achille. Chiaro è che i temi, le sensibilità, sono molto in linea con il rinnovamento dell’etica sessuale tuttora in atto e che questi stessi temi sono molto vicini al nuovo pubblico di lettori, preferibilmente giovani, che la moderna editoria chiama appunto Young Adult, lettori che contemplano in realtà giovani ma anche quarantenni, in una forbice abbastanza ampia.
Se la sensibilità adolescenziale o post adolescenziale è ormai un ricordo sbiadito, diventa più difficile trovarsi in sintonia con tale modulo narrativo al quale però si può riconoscere il rigore accademico nei contenuti. La lettura è piacevole e distensiva, permette il recupero di fatti studiati e magari dimenticati, accende la curiosità verso le fonti primarie. Una lettura non strettamente necessaria ma consigliabile nel rispetto delle proprie individualità di lettore.


Siti

 
©2006 ArteInsieme, « 012067957 »