Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  In nessun luogo, di Roberto Saporito, edito da A & B e recensito da Grazia Giordani 05/11/2022
 
In nessun luogo – Roberto Saporito – A & B – Pagg. 92 – ISBN 9788877285201 – Euro 10,00


In nessun luogo, l’ultimo romanzo dello scrittore piemontese, la storia di un sopravvissuto

Saporito, un viaggio alle radici del dolore



Da molto tempo apprezziamo la penna dello scrittore Roberto Saporito di cui abbiamo recensito quasi l’opera omnia. In questi giorni fa l’occhiolino nelle principali librerie il suo fresco di stampa “In nessun luogo” (A&B Editore, pp.91, euro10), un toccante romanzo tra finzione e verità. È la storia di un sopravvissuto, ulcerato dalla morte della moglie, quindi indeciso se continuare a vivere o anche solo sopravvivere, se continuare nella sofferenza o cercare di farsene una ragione. “Sono più di due mesi che non fai più assolutamente nulla – scrive nell’incipit del romanzo-, se non guardare serie televisive o ingurgitare gocce di Xanax, o far la spesa (minima) al supermercato sotto casa”. Decide, quindi, di ripercorrere tutti i luoghi in cui era stato con l’amatissima moglie. Con lei aveva visitato quasi tutta l’Europa. Il suo diventa quasi un viaggio/non viaggio, con false partenze e falsi arrivi, un ramingare dentro sé stesso, perché più che difficile gli appare impossibile elaborare un lutto tanto ulcerante. “Vi piaceva venire a Parigi-scrive-, vi piaceva constatare i cambiamenti della città di anno in anno, un luogo in perenne evoluzione o involuzione, questione di punti di vista, locali che chiudevano, locali che aprivano, aumento dei controlli di polizia e esercito in assetto da guerra santa in luoghi sensibili (aumentati e sempre più sensibili) e alle principali fermate della metropolitana”. Torna Saporito persino a Lourdes, luogo in cui lei credeva di trovare sollievo alla sua grave malattia. Si reca ad Amsterdam, in luoghi dove erano stati tanto felici. A un certo punto ha la strana sensazione di non star scrivendo la verità. Pensa che il romanzo sia una grande bugia. E dice a sé stesso che se vuoi la verità non devi cercarla nella scrittura di un romanzo. Quello dell’Autore è un viaggio fatto di false partenze, ripensamenti, dubbi continui; un viaggio alla fine dentro sé stesso, trascinandosi in non-luoghi, dove aeroporti e alberghi sembrano posti provvisori che non costringono il protagonista ad operare delle vere scelte. Tutto resta sospeso, lacerante, non concluso. Impossibile elaborare un lutto così urente. Scritto con l’inchiostro del dolore questo romanzo verità ci ha profondamente commossi.


Roberto Saporito è nato ad Alba (CN) nel 1962. Ha studiato giornalismo. Ha diretto una galleria d’’arte per trent’anni. Ha pubblicato raccolte di racconti e romanzi, tra i quali ricordiamo “Harley Davidson” (1996). “Il rumore della terra che gira (2010), “Come un film francese (2015) “Respira” (2017) “Come una barca sul cemento” (2019). Ha collaborato con la rivista letteraria di Milano “Satisfiction” con una personale rubrica.


Grazia Giordani


 
©2006 ArteInsieme, « 012411610 »