Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Enchiridion celeste, di Alessandro Ramberti, edito da Fara e recensito da Maria Pina Ciancio 12/01/2023
 
Enchiridion celeste – Alessandro Ramberti – Fara – Pagg. 56 – ISBN 978-88-9293-059-9 – Euro 7,00



L’amore quando è dato
può esser rigettato
ma sempre spande e nutre

non lascia scorie e sana
chi l’offre e chi l’accoglie.
 
A.   Ramberti

La vera essenza di questa silloge di Alessandro Ramberti, “Enchiridion celeste”, si può sintetizzare in una riflessione sui valori della vita e della fede, come contatto profondamente personale ed intimo con Dio. La realtà umana di un microcosmo nel tessuto dell’infinitamente grande, fatto di luci ed ombre, messaggi, annunci, atti a fortificare se stesso e ad accedere ad una dimensione di elevazione umana e spirituale che illumini i suoi fratelli e l’umanità.

Si compone di poesie che uniscono alla bellezza dei versi, profondità di pensiero e riflessioni sulla vita, in un dialogo “spirituale” fitto e consapevole col divino e con il mondo. Un dialogo fatto di certezze, ma anche di domande e di ascolto “Ascolto per sentire il desiderio/ l’instabile emozione che ci spinge/ a fare verità” (Spirito p.33).

Ci sono menti che si interrogano, che desiderano la verità del cuore, la cercano,  praticano la poesia come forma di conoscenza, studio dell’anima, ricognizione dei più alti valori esistenziali*; in Alessandro Ramberti sento  questo scavo, questa ricerca, la consapevolezza che nell’abisso che ci abita, la santità di Dio ha preso dimora, anche nella testimonianza della poesia “Nella parte più fragile/ fa breccia il Clementissimo” (Grazia, p.20).

Si tratta di un libro che ci consegna uno sguardo sull’esistenza da una prospettiva cristiana. Il taglio non è mai dogmatico, ma consapevole e sfocia in un percorso di ricerca che ha come suo fine distintivo la realizzazione di sé. Realizzazione che non può in alcun modo fare a meno del mondo che ci circonda (del “noi” -noi siamo incontri- e dunque dell’altro) e delle sue inesauribili possibilità di riscatto “Il respiro desidera polmoni/ liberi e un cuore disposto al trapianto/ a farsi pompa allegra in altri petti” (Benedizione, p.43).

Per Ramberti entrare in sintonia con il sacro e le sue rivelazioni, richiede umiltà, consapevolezza che il dubbio, le domande, i crolli sono il “baricentro” della fede e la possibilità di aprirsi a inattesi orizzonti di speranza “Incorniciare dubbi/ è mettere in tensione/ la tela della vita// se essa è floscia/ e priva di domande si adagia/ su cocci di certezze” (Credere p. 12).

La bellezza di ‘Enchiridion’ è tutta racchiusa nella devozionalità dei suoi versi e nelle emozioni che l’accompagnano, oltre che in un linguaggio creativo e vivo che eleva e che partecipa alla gioia del creato.



Maria Pina Ciancio



www.neobar.org




 
©2006 ArteInsieme, « 012613896 »