Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Letteratura  »  Il primo sole dell’estate, di Daniela Raimondi, edito da Nord e recensito da Franca Canapini 20/08/2023
 

Il primo sole dell'estate - Daniela Raimondi - Nord - Pagg. 400 -

ISBN 9788842935414 - Euro 19,00





IL PRIMO SOLE DELL´ESTATE, secondo romanzo di DANIELA RAIMONDI, autrice del fortunato LA CASA SULL´ARGINE, si presenta come il sequel di quest´ultimo.

Continua la saga familiare dei Casadio di Stellata con vicende che vanno dal Dopoguerra ai giorni nostri, condite di quel pizzico di magia che rimanda al realismo magico sudamericano di Borges, Cortàzar, Marquez e Allende, e che rende affascinante la storia. Anche il linguaggio semplice e fluido cattura l´attenzione del lettore e lo spinge  a leggere le quattrocento pagine in un soffio.

E´ un romanzo classico a tutti gli effetti da gustare piacevolmente sotto l´ombrellone in estate o accanto al fuoco in inverno per essere trasportati in altri tempi e in altri luoghi: le mondine nei dintorni di Vercelli anni Sessanta, la Svizzera dei migranti italiani vista dal paesino limitrofo di Viggiù, Londra multietnica e multiculturale  anni Settanta/Ottanta, il Brasile delle fazendas,  e varie città italiane nonché la solita Stellata (frazione di Bondeno in provincia di Ferrara) poco più di un villaggio, ormai divenuto famoso grazie all´autrice, dal quale si parte per vivere e si ritorna per morire, in una visione circolare che comprende la vita, la morte, il dolore e l´amore. Intrigante nel suo crudo realismo, che diviene magico nel finale, la storia d´amore che regge l´intera struttura dell´opera.   

Per esperienza so che costruire un romanzo è come fare un centrotavola all´uncinetto assemblando vari centrini. La bellezza finale del centrotavola /romanzo è dovuta soprattutto al felice assemblamento. Questo romanzo mi pare pecchi di qualche centrino attaccato troppo velocemente, cosicché alcune unità narrative somigliano più a una cronaca spicciola che a buona letteratura. Riuscita invece la scelta di inserire nel tessuto narrativo lettere e/o pagine di diario, capaci di rendere sempre al meglio i sentimenti che si vogliono esprimere.

Nonostante vi abbia trovato (ma è solo un mio opinabile parere) qualche punto debole, IL PRIMO SOLE DELL´ESTATE è comunque un bel romanzo sapientemente costruito e avvincente.   Ne consiglio la lettura.

 

Franca Canapini




 
©2006 ArteInsieme, « 014388641 »